!-- Facebook Pixel Code -->
0

Qui a Petracavallo, il motto è solo uno: produrre vini naturali assolutamente artigianale, come quello che mi faceva assaggiare mio nonno quando ero bambino.
Per me non si tratta di un semplice obiettivo, ma di una vera e propria filosofia, di uno stile di vita che mi conduce, in veste di vignaiolo, a seguire il mio vino attraverso l’esperienza e la competenza artigiana, senza ricorrere ad additivi o processi invasivi.
Così ho sviluppato nel tempo, anche grazie ai preziosi consigli di mio padre, un modello di produzione tutto nostro, collaudato dalla lunga esperienza e dalla profonda conoscenza delle nostre vigne e del territorio in cui sorgono.

In vigna, abbiamo abolito i concimi chimici e i diserbanti di sintesi e mettiamo ogni cura per garantire in modo naturale lo sviluppo equilibrato di ogni pianta, perché abbiamo deciso di lavorare le nostre terre facendo sempre attenzione alla salute dei consumatori e anche a quella di tutti noi, che siamo i primi a bere il nostro vino.
Nella fase del taglio, rigorosamente manuale, selezioniamo con accuratezza il nostro prodotto grappolo per grappolo, per eliminare gli acini imperfetti e produrre un vino che sia non solo sano e genuino, ma anche di elevato livello qualitativo.

 

In cantina poi, non aggiungiamo lieviti, lasciando quelli autoctoni presenti, per ottenere una fermentazione spontanea e limitiamo l’impiego di anidride solforosa alle minime quantità indispensabili, ben al di sotto dei regolamenti biologici esistenti, per favorire l’espressione autentica di ogni vino e proteggerlo dal naturale invecchiamento.

Insomma, un modello per niente semplice che rende il processo di vinificazione tanto affascinante quanto rischioso, e questo qui a Petracavallo lo sappiamo molto bene. Il territorio, il clima, le stagioni, sono fattori che non possono essere controllati senza il ricorso a procedimenti industriali, sono incognite a cui il vignaiolo deve adattarsi e imparare a interpretare di anno in anno.

Ma ogni volta, arrivato il momento della vendemmia, raccogliamo con emozione e soddisfazione i frutti del nostro lavoro e quando il vino è finalmente pronto per essere imbottigliato, allora sì che siamo ripagati di ogni sforzo e sacrificio.
Io credo che produrre vino naturale e artigianale significhi proprio questo: ottenere un prodotto che sia diretta espressione del mio territorio in cui si sviluppa, gentile e rispettoso verso l’ambiente e la vite stessa, per poter ritrovare nel calice l’essenza stessa dell’uva e dire: “Sì, conosco ciò che bevo!”

 

Vito D’Onghia

 

Le foto sono a cura di Andrea Rancan Ph
Vito D'Onghia

Author Vito D'Onghia

More posts by Vito D'Onghia

Leave a Reply

Spedizione gratuita per ordini superiori a 70€